E-Commerce: aumento della domanda online

Il diffondersi del Covid19 e dell’emergenza sanitaria, hanno modificato molto le abitudini di vita di tutti i cittadini, tra queste soprattutto il modo di fare la spesa.

I consumatori, anche quelli meno abituali, si sono affacciati sempre di più al mondo degli acquisti online, e non soltanto per beni di prima necessità ma anche di intrattenimento.

Mai come in questo periodo, gli e-commerce sono diventati uno strumento di web marketing potentissimo.

Si è infatti riscontrata una crescita esponenziale degli acquisti online soprattutto nel settore alimentare e di tutte le categorie di prodotti che rientrano tra quelli di cui si fa scorta pensando ad una lunga permanenza in casa, e quelli che riguardano l’igiene personale e della casa.

Il turismo e l’abbigliamento, che da sempre hanno primeggiato nel settore del commercio digitale italiano e delle esportazioni, stanno invece riscontrando più difficoltà di altri, anche nell’e-commerce.

In questo periodo, è di fondamentale importanza che le imprese siano visibili più che mai.

Non bisogna infatti dimenticare che gli ultimi destinatari dei contenuti online sono gli utenti, spesso alle prime armi e spesso possessori di dispositivi non professionali come per esempio un semplice cellulare; occorre quindi semplificare ed ottimizzare la loro navigazione.

Per acquisire la loro fiducia e far sì che diventino fidelizzati, l’azienda deve comunicare la propria professionalità garantendo all’utente un facile orientamento all’interno del catalogo dei prodotti con descrizioni ed immagini dettagliate ed evidenziando eventuali offerte.

Inoltre è importante dare la possibilità ai consumatori di scrivere recensioni e commenti, così che l’attenzione sui prodotti sia mantenuta viva grazie al continuo feedback dei clienti.

Infine gli e-commerce devono essere arricchiti con contenuti nuovi, freschi ed accattivanti in base alle tendenze e alle novità.

In seguito ad una sempre più elevata domanda, l’intera filiera dell’e-commerce sta impiegando ogni sua risorsa per far fronte a tutte le richieste.

Occorre però considerare che in una situazione d’emergenza così straordinaria, come quella che l’Italia sta affrontando, le consegne possono subire dei ritardi e delle riprogrammazioni, non a causa dei disservizi dei venditori o del settore della logistica, bensì proprio a causa dell’improvviso incremento della domanda e delle difficoltà che vanno a gravare su operazioni di routine.

Categoria: IP4work